TUTTI IN PIAZZA PER ELEGGERE IL "RISOTTO ARCONATESE"

Il Tubero di Bosco e quello del Contadino

 

Un sole splendido ha caratterizzato l'edizione 2006 della "Sagra d'Autunno", promossa dall'Amministrazione Mantovani e dal Gruppo Folkloristico di Guido Monticelli. La Sagra ha avuto inizio sabato con l'inaugurazione, a Palazzo Taverna, della mostra "Sete d'Etiopia" del fotografo Fabrizio Jelmini, alla quale hanno partecipato il Sindaco On. Mantovani, l'assessore Elena Crespi, il giornalista e amico di Jelmini, Emanuele Torreggiani (che ha ricordato gli anni di lavoro con lo stesso Jelmini), il presidente della Fondazione Butterfly onlus, Claudio Maneri (con il quale Jelmini sta portando avanti un progetto per la realizzazione di pozzi in Etiopia) e un numeroso pubblico. Momento clou della giornata di domenica, è risultato il concorso "Il risotto d'Arconate": una giuria di "alto livello", composta dal sindaco On. Mantovani,

dall'On. Luigi Fabbri, dalla "gradita ospite" Wilma De Angelis, dai cuochi arconatesi Giacomino Mantovani e Annetta Ceriotti, titolare dell'omonima trattoria arconatese, premiata dall'Amministrazione già lo scorso anno con una medaglia d'oro per i sessant’'anni di attività in qualità di cuoca, hanno assaggiato e decretato i risotti vincitori di questa prima edizione. Alla ceri-monia di premiazione ha presenziato anche il consigliere regionale e "amico di Arconate", Sante Zuffada.


Dopo aver gustato i dieci risotti, partecipanti al concorso, la giuria ha decretato i vincitori. Terzo posto, ex aequo, per Pierà Ampedovo (risotto con l'uva) e Valentina Cesareo (con castagne); al secondo, sempre ex aequo, si è classificato Giovanni Colombo (con il risotto di nonno Nino), Pierà Monticelli (risotto con pomodoro) e Stefano Manzato (con funghi). Sul podio, pari-merito, Giuseppe Dabroso con il suo risotto al tubero di bosco e Ignazio Torno con il risotto del contadino. Ai concorrenti, ai quali sono stati fatti i complimenti per gli "ottimi risotti", e ai componenti della giuria, sono state regalate targhe e doni dell'Amministrazione.
A contorno della manifestazione, lo spettacolo degli sbandieratori "Torre dei Germani" e la presenza dei numerosi stand in piazza.


Lunedì, invece, si è svolta la tradizionale Fiera con le bancarelle di commercianti. Nei due giorni della sagra, inoltre, presso il Centro Anziani di via B. Vergine, è stata allestita una mostra, organizzata dalla Coop Altomilanese, che esponeva modellini e diorami dell'Associazione Vigili del Fuoco di Inveruno.

 

Visualizza l'articolo

 

Articolo tratto da "Città Oggi" 19 ottobre 2006